SANTANA, Freedom (1987)

220px-Santana_-_Freedom

Dopo le concessioni alla “modernità” di Beyond Appearances (1985), Santana tenta di tornare al suo sound classico. Richiama Graham Lear, ai tamburi in tanti suoi dischi. Ma sono gli anni ’80, per cui la batteria è qui minimale e ultra gateizzata. Alla voce c’è Buddy Miles, che è anche un batterista e suona squadratissimo (ricordate la Band Of Gypsys di Jimi Hendrix?), così Lear, forse inconsapevolmente o forse spinto da Buddy, adotta il suo drumming. Un peccato perché il disco ci poteva guadagnare se Lear avesse suonato (o gli avessero permesso di suonare…) a modo suo.
Nota chitarristica: anche se nella copertina è ritratto con la sua Yamaha SG, Santana qui suona la Paul Reed Smith (da lui adottata nell’82). Anzi, in questo cd finalmente si ascolta quel gioiello di chitarra col timbro a cui ci ha da tempo abituato, laddove nei precedenti album in cui Santana suona questo strumento (Shango, Havana Moon, lo stesso Beyond Appearances) il missaggio non gli rendeva affatto giustizia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...