DAVID GRAY, Mutineers (2014)

David_Gray's_new_studio_album_artwork_cover_for_his_tenth_record_'Mutineers'.jpeg

Forse il più “sperimentale” degli album realizzati finora dal cantautore inglese, merito anche della produzione di Andy Barlow, debitamente ringraziato nel booklet dall’artista.

Le prime sette canzoni suonano quanto mai pacificate, le ultime quattro sono più riflessive.

I vertici toccati a suo tempo con White Ladder sono difficilmente raggiungibili, ma qui comunque è un gran bel sentire.

Uno dei migliori dischi dell’anno appena scorso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...