ERIC CLAPTON, Behind The Sun (1985)

220px-BehindTheSun

Inspiegabile.

Azzardo un’ipotesi: probabilmente pressato oltre ogni dire dall’etichetta, Clapton, per adeguarsi all’imperativo – sell! sell! sell! -, ingaggia come produttore Phil Collins (alle orecchie di chi scrive, straordinario batterista e ottimo cantante), uno che col pop (s’intendono i suoni) di quegli anni sapeva intrallazzare bene, per realizzare un disco-hit. Ora, in musica, anche se metti un favoloso chitarrista insieme ad un altro eccelso musicista, non è detto che ne esca un capolavoro. Può, come nel caso, venir fuori una ciofeca. Con l’aggravante dello spreco di musicisti incredibili come Donald “Duck” Dunn, Nathan East, Jeff Porcaro, Steve Lukather, Ray Cooper

Solo per completisti claptoniani compulsivi (io l’ho preso per il gusto di parlarne male su questo blog).

P.S. Si salva la copertina.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...