BUSH, Razorblade Suitcase (1996)

220px-Razorblade_suitcase

Secondo album per i Bush. Consci che il lavoro d’esordio soffriva un po’ sul piano della qualità sonora, la band si affida alle capaci mani del produttore Steve Albini, nome hot nei ’90, uno che lo riconosci subito dal sound che imprime alla batteria, quasi un marchio di fabbrica.

Se non fosse tuttavia per l’anthemica Swallow e per qualche altro buon pezzo (Straight No Chaser, Bonedriven), si tratterebbe di un lavoro mediocre e anche un po’ noioso, considerato che da un punto di vista melodico abbiamo quasi sempre versi di due, tre note… Sì, insomma, non si pretendono sempre voli pindarici, ma un minimo di varietà…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...