VAN MORRISON, Keep It Simple (2008)

Immagine

Ci sono musicisti che fanno del “genio e sregolatezza”, sul piano strettamente discografico, la loro fortuna. Picchi inarrivabili, per gli altri, e cadute di tono più o meno pesanti. Dylan su tutti, ma anche Young, lo stesso Springsteen… E ce ne sono altri che fanno della continuità su livelli alti, o medio alti, il loro punto di forza. Immarcescibili, non particolarmente votati a battere nuove strade ma ad approfondire i percorsi usuali. Van, “The Man” come lo chiamano, è il campione di quest’ultima categoria. Ancorato al solido quadrato blues/folk/rock (in minor misura)/jazz, confeziona sempre album di alto livello. Poi, magari, la zampata geniale – a parte i primi due, Astral Weeks e Moondance – tarda ad arrivare…

Tutto confermato in questo recente lavoro di studio.

“Mantienilo semplice”, recita il titolo, ma qui di semplice c’è solo la struttura delle canzoni: gli arrangiamenti, invece, sono al solito curatissimi e ricchissimi.

Esecuzioni da manuale, registrazione al top. Però, se qualcuno dopo un po’ sbadiglia, in fondo lo capisco: mi piacciono di più i “tipastri” della prima categoria…

Annunci

2 pensieri su “VAN MORRISON, Keep It Simple (2008)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...