GUNS N’ ROSES, Appetite For Distruction (1987)

Immagine

Ogni tanto lo danno per morto, ma poi il rock trova sempre qualche scavezzacollo che lo riporta in auge, vivo e scalciante, per tradurre l’usata espressione “alive and kicking”.

Il miracolo riuscì anche alle Pistole & Rose, e come non gioire all’ascolto di It’s So Easy, smandrillata come poche, o non esaltarsi per Paradise City, con uno dei ritornelli più paraculi di sempre, e non commuoversi per l’intro, ormai storica, di Sweet Child Of Mine?

Non sono mai impazzito per la voce di Axl, ma Slash è l’ultimo grande guitar hero. Ci ricorda che il feeling, in fatto di sei corde e non solo, è tutto.

Curiosità: è il primo CD che ho comprato, e l’idea di abbandonare il formato LP mi toglieva il sonno la notte, ricordo bene…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...