JACOB DYLAN, Seeing Things (2008)

Immagine

Fisicamente ricorda bene sia la madre che il padre.

Jacob Dylan, figlio del più noto Bob, dopo alcuni lavori col suo gruppo (The Wallflowers), tenta la carta del disco solista, affidandosi alle cure di Rick Rubin: un mago della consolle, soprattutto, come testimoniato dalle produzioni più recenti (Cash), quando si devono trattare suoni acustici. Minimale ed, appunto, acustico, questo bel disco. Le canzoni magari non saranno memorabili, ma il ragazzo ha una voce sua (raro nei figli d’arte) e scrive con garbo. Da ascoltare se si vuole realizzare un disco in quello stile (e si ha voglia di investire nel nastro analogico, che dona, eccome se dona!), oppure ci si vuole far cullare da suoni senza tempo.

Spicca soprattutto il primo brano, una sorta di mantra: “Evil Is Alive And Well”.

Il Male è vivo e gode di buona salute. Hai ragione, caro Jacob.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...